L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Nun mi chiamari fimmina (Poesia)

NUN MI CHIAMARI FIMMINA

Poesie in lingua siciliana
di Laura La Sala

≈ ≈ ≈

Collana Libri Storie di Sicilia

 

CÀNCITI STU LOOK

“L’aceddu nta la argia o canta pp’amuri
o canta ppi raggia”!

La to cantata
nun mi persuàdi
comu vulissi pigghìari
a pugni lu munnu nteru:
talìi fora, ti senti carcerata.
 
Tanticchia passatedda,
ppi li picciotti di sti tempi:
però si bedda comu lu suli,
timurata di Diu
ma, nuddu s’adduna di sti to valura.
 
Pari na culligiàli:
facci senza truccu,
bedda sciacquata,
masciddi ca pàrinu pumidda.
 
Si ti mittissi na vesta scullata
tacchi a spillu e macari un tatuaggio;
nta na certa ngaggia:
vidìssi cchiù fudda darre’ di tia.
 
Nun fari la schizzinùsa!
o ti dicu surpassàta.
Cànciti stu look!
e vestiti cchiù sexy
fa la fimmina, ammenu ppi na vota:
l’occhiu voli puru la so parti
o arresti schittazza,
ppi tutta la vita.

 

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci


Black Lake, Lago Nero. Operazione di Polizia a Pergusa

Comu l’agneddi n’uccenti (19 ottobre 1944)

One response to “ Nun mi chiamari fimmina (Poesia) ”

  1. Laura La Sala ha detto:

    grazie di aver pubblicato la mia silloge…buona vita e felice lettura a tutti

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti