L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Focu sugnu e cinniri diventu (Poesia)

ANIMA MIA
“Focu sugnu e cinniri diventu”

Poesia di Leonardo Vaccaro ©
ťťťťť

Focu sugnu e cìnniri diventu.

Ma quannu sugnu vicìnu a-ttija

abbruçia l’anima mia.

Ti vulissi tuccari, ti vulissi abbrazzari,

ti vulissi stringiri forti forti dintra lu me cori.

Ma tu, ccu sdegnu e amuri, mi dici:

nun mi tuccari, lassami stari.

Nun sugnu fatta ppî-ttija.

E mentri m’accarezzi e m’allisci, m’addrummisci.

Quantu è bellu stari vicinu a-ttija, o anima mia!

Focu sugnu e cìnniri diventu.

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci


Elefanti, Renzi e l’inutile Ponte sullo Stretto

Olio di oliva con Trinacria vietato da maledetta Europa

3 commenti a “ Focu sugnu e cinniri diventu (Poesia) ”

  1. Antonio Ciro ha detto:

    Una bella poesia che dimostra ancora le qualita’ poetiche della nostra lingua.

  2. castrenze ha detto:

    Bellissima poesia complimenti al sig.Vaccaro.

    1. vaccaro leonardo ha detto:

      grazie per il complimento

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti