L'Ora Siciliana

L'Ora Siciliana, diretto da Angelo Severino, è un giornale di cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Comu l’agneddi n’uccenti (19 ottobre 1944)

Poesia 19 ottobre 1944

La gente cadeva a terra ferita e uccisa come degli agnelli.
Il loro sangue diventava tutt’uno e faceva orrore.

19 ottobre 1944

“Comu l’agneddi n’uccenti
cascava nterra la genti,
u sangu s’ammiscava ntra iddu
ca facia ribrezzu”…

Poesia di Maria Agrippina Amantia ©

Questa poesia è sgorgata come un vulcano, un anno fa [N.d.R. Maria Agrippina Amantia ci mandò questa poesia nell’ottobre 2016]. Esattamente il 18 ottobre 2015. Devo fare una premessa. A volte penso che la mia vena poetica sia come una connessione tra la mia mente ricettiva e un’altra dimensione. Questa poesia venne alla luce di getto, senza riflessione!

Chi parla è un ipotetico Peppino, un soldato che dovette sparare, insieme ai suoi compagni, sulla folla affamata, composta principalmente da donne e bambini, nella rivolta del pane del 19 ottobre 1944 a Palermo in via Maqueda.
Peppino, ebbe l’ordine di sparare ad altezza d’uomo! Quindi, per uccidere!

Se non avesse obbedito, sarebbe passato per la corte marziale. Dunque, lui dice: «Meglio sarebbe stato che mia madre mi avesse abortito! Non avrebbe avuto un figlio assassino». Perché lui, obbedendo all’ordine di sparare su gente inerme, la cui unica colpa era quella di chiedere pane, questo si sente: un assassino.

Ho voluto dirvi come questa poesia è venuta alla luce. Peppino, ha chiesto perdono. Riposa in pace!

≈ ∞ ≈ ∞ ≈ ∞ ≈

MORTI PPI NENTI 19 ottobri 1944

Pippinu mi chiamu,
ma si nun m’avissiru chiamatu,
si mai avissi nasciutu,
si me matri, m’avissi aburtutu,
megghiu avissi statu!

Ca sti manu, li me manu,
sunnu chini di sangu.
Russu vivu, ca nun s’inni va,
mancu lavatu e stricatu.

Mai! mai! m’ha scurdatu,
chiddu c’appa fari,
du jiornu m’Palermu,
mentri ch’era surdatu.

N’semula e me cumpagni,
appumu l’ordini di sparari ncapu
a ddi disgraziati,
ca pi sciupirari s’avianu riunutu.

A jiddi, i nostri cumannanti,
avissumu duvutu sparari!
si omini avissimu statu!
ma nuddu si ribillò, di li surdati,
si nun l’ascutaumu
a corti marziali ni mannaunu.

Ma comu mi pozzu scurdari,
di fimmini, ddi picciriddi,
ca currievunu mpazzuti
ca vulevunu sulu essiri sfamati?

Co stomucu vacanti, nturciuniatu,
ca s’avissuru mangiatu
puri li petri s’avissuru pututu!

tradituri!
ni ficiru fari na carnificina!
sparari artizza d’omu!
fu l’ordini scilliratu,
niuru, niuru, comu lu piccatu.

Comu l’agneddi n’uccenti
cascava nterra la genti,
u sangu s’ammiscava ntra iddu
ca facia ribrezzu,
ma tu, sparautu, lu stissu!
comu s’erutu nvasatu e pazzu.

Megghiu avissi statu!
ca me matri m’avissi aburtutu!
ca n’un figghiu assassinu,
nun l’avissi avutu!

[ Leggi anche: “19 ottobre 1944. Strage italiana a Palermo” ]
[ Leggi anche: “La strage del pane in via Maqueda a Palermo” ]

 

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci


One response to “ Comu l’agneddi n’uccenti (19 ottobre 1944) ”

  1. Valentino ha detto:

    Ho appena letto “Come gli agnelli innocenti”. Da ragazzo qualcuno mi aveva raccontato una storia simile, forse era questa. Un racconto molto drammatico, come lo è stata la guerra. Penso che il ricordo della memoria non debba mai affievolirsi perché certe tragedie non vanno dimenticate e non abbiano a ripetersi.

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti