L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Solstizio d’estate 2021 dalla Torre di Enna

Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Il solstizio d’estate 2021
dalla Torre ottagonale di Enna

Enna 22 giugno 2021 – Solstizio deriva dal latino “sol stetit”, il “sole si ferma”. Il solstizio d’estate si verifica quando l’asse terrestre raggiunge il massimo grado di inclinazione rispetto al Sole. È la giornata più lunga dell’anno.

Il 21giugno ufficialmente inizia l’estate astronomica con il Sole che, arrivato alla declinazione positiva più alta nel cielo, dà l’impressione di stazionare per qualche giorno in quella posizione prima di scendere obliquamente verso sud. Il Sole comincia a tornare indietro e la durata del giorno inizia a diminuire fino al 22 settembre con il sopraggiungere dell’equinozio d’autunno.

«Come il gambero, o il granchio, è un animale che cammina all’indietro e obliquamente – scriveva nel 400 d.C. l’astronomo Ambrogio Teodosio Macrobio – così il sole comincia a retrocedere in linea obliqua».

Fin dall’antichità, dunque, il solstizio estivo è stata l’occasione di grande festa dei popoli, un momento che segnava la rinascita della natura, quindi un tempo di assoluta positività e di vicinanza alla natura nel suo pieno sviluppo.

Ogni anno, in tutto il mondo, migliaia di siti astronomici di ogni epoca (Stonehenge, ad esempio) vedono un’alta affluenza di persone per assistere al magico meraviglioso spettacolo del sorgere del Sole. Le tradizioni legate al solstizio d’estate hanno attraversato i millenni fino ad arrivare ai giorni nostri.
[ Angelo Severino ]

Ulteriori informazioni sul solstizio d’estate si possono leggere su qualsiasi testo di geografia astronomica. Questo disegno tratto dalla rivista Nautical Astronomy del 1902 rappresenta in modo semplice il fenomeno dei solstizi e degli equinozi:

Solstizio

Il solstizio d’estate dalla Torre
riconsidera la funzione del sito.

Grazie all’apertura notturna, alle 5,42,
i ricercatori hanno osservato il fenomeno.

Severino: «Era stato un antico osservatorio
astronomico-geodetico costruito dai Siculi».

di Francesco Librizzi ©

Enna 21 giugno 2021 – Anche dalla Torre ottagonale di Enna, ieri mattina, dalle ore 5 e 42 del mattino, è stato possibile osservare il solstizio d’estate, fenomeno astronomico tra i più suggestivi. L’amministrazione comunale ha, infatti, consentito l’apertura notturna della torre come richiesto dal giornalista Angelo Severino, autore del libro “La verità sulla Torre ottagonale di Enna”.

Assieme al vice sindaco Francesco Colianni, l’evento, che raggiunge la massima altezza nel cielo rispetto all’orizzonte e illumina una parte della terra per più ore rispetto agli altri giorni dell’anno, è stato filmato e documentato dall’archeologo Paolo D’Angelo, dall’imprenditore informatico Fabrizio Natanaele Severino e dal giornalista Salvatore Balistreri, che partecipano alle ricerche sulle origini storiche della torre, iniziate dal colonnello Umberto Massocco negli anni 1950-1980 e continuate tutt’oggi da Severino.

«È stato per me emozionante rivivere il solstizio esattamente come fu nel 1979, quando ebbi l’occasione – ha spiegato Severino – di partecipare all’evento organizzato dal Massocco. Ricordo che è stato grazie ai suoi studi, portati avanti da me, se oggi è possibile rivalutare l’origine della Torre ottagonale e assegnarle il suo vero ruolo, che è quello di antico osservatorio astronomico-geodetico costruito dai Siculi».

«A causa di un cielo un po’ nuvoloso, purtroppo, il fenomeno non si è potuto scorgere nei suoi primi minuti. Nonostante questo imprevisto, il susseguirsi dell’evento, minuto dopo minuto, si è rivelato sempre più entusiasmante. I raggi di sole, entrando da nord-est, dalla grande finestra del primo piano, hanno colpito intensamente l’angolo interno della parete a sud-ovest della torre. Con il passare dei minuti, man mano che il sole si innalzava, il fascio luminoso andava spostandosi verso il centro della stanza, per poi ritirarsi in direzione della stessa finestra da cui era entrato».

«Risulta evidente – continua – che, se non ci fosse stato il solaio, che in origine non esisteva e che fu realizzato nel Medioevo, i raggi solari sarebbero arrivati al piano sottostante in direzione del pozzo, considerato il centro sacro della struttura».

Il team di ricercatori porterà avanti gli studi con l’obiettivo di scoprire la motivazione originaria per cui essa fu costruita con tale allineamento solstiziale.

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download [3.79 MB]

Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 1979 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 1979 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna


Solstizio d'estate 2021 - Torre ottagonale Enna

Solstizio d’estate 2021 – Torre ottagonale di Enna

Leggi anche: Torre di Enna. Ecco chi l’ha costruita e perché
La canna sicula servì per costruire la Torre di Enna
Torre ottagonale di Enna, l’osservatorio astronomico siculo
Stupor mundi non stupì Enna e non costruì la Torre
La verità sulla Torre ottagonale di Enna

torredienna.it





Rispondi