L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Insieme si può con i diversamente abili

Insieme si può

Insieme si può

Spettacolo musicale al teatro di Enna
Protagonisti i ragazzi diversamente abili

di Angelo Severino ©

Insieme si può. È stato un tripudio di appalusi per i ragazzi diversamente abili che la sera di domenica 12 giugno al Teatro Comunale di Enna sono stati protagonisti del musical “The Blues Brothers – Insieme si può”. Lo spettacolo è stato voluto dalla cooperativa ennese “La Contea”, egregiamente gestita dagli psicologi Vanessa Mancuso e Flavio Giaimo, che da alcuni anni organizza attività formative e ludico-ricreative per bambini e ragazzi disabili.

Domenica è stata anche occasione per ricordare con estrema commozione Giuseppe Di Pasqua, il ragazzo di Leonforte che per 14 anni ha lottato contro la sclerosi laterale amiotrofica (la SLA) e che è morto lo scorso 24 ottobre.

Lo show musicale è liberamente tratto dal film di John Landis “The Blues Brothers” (1980). Due fratelli, dopo essere stati scarcerati, devono trovare 5000 dollari per evitare la chiusura dell’orfanotrofio che li ha cresciuti. Decidono così di rimettere in piedi la loro vecchia band di blues e, vestiti di scuro con altrettanti cappelli e occhiali neri, fra tante peripezie, i due fratelli riusciranno, con un’audacia strabiliante unita a un’incredibile astuzia, nell’impresa di avere a disposizione la somma necessaria da consegnare all’orfanotrofio.

Il messaggio lanciato attraverso lo spettacolo teatrale di domenica ha centrato appieno il bersaglio. Il numeroso pubblico presente non solo, alzandosi in piedi, ha entusiasticamente applaudito quei ragazzi improvvisatosi bravi attori ma si è trovato anche pienamente consapevole e d’accordo che “insieme si può”, che solo restando tutti insieme (istituzioni e famiglie, affiancate dal volontariato) si possono superare i problemi legati alle persone con handicap e garantire loro una migliore qualità della vita.

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci



Rispondi

Vai alla barra degli strumenti