L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Arance del Sudafrica. Sarà tolto il dazio

Arance Sudafrica

Arance del Sudafrica

Entro il 2025 sarà abolito il dazio doganale

di Giuseppe Scianò ©

Sono state prorogate le agevolazioni tariffarie doganali per le arance bionde importate dal Sudafrica. Ed è, questo, un altro “colpo basso” dell’Unione Europea contro gli interessi dell’agrumicoltura siciliana e contro la stessa Sicilia.

È avvenuto, cioè, che con una recente decisione l’Unione Europea ha prorogato fino al 30 novembre 2016 il trattamento di favore del dazio doganale del 16% che era stato concordato limitamento al periodo luglio-ottobre 2016. Si aggiunga che, sempre per le arance bionde sudafricane, è previsto un decremento tariffario doganale annuo dell’1,8% e fino all’esenzione totale entro il 2025.

Nel 2015 dalla Repubblica Sudafricana sono arrivate in Europa circa 430mila tonnellate di arance bionde per un valore commerciare stimato a quasi 305milioni di euro [nota dalla Redazione].

Queste notizie hanno giustamente, e ancora una volta, provocato l’indignazione e le proteste degli agricoltori siciliani del settore agrumicolo, ai quali va la solidarietà più convinta degli Indipendentisti Siciliani e di quelli del “Centro Studi Andrea Finocchiaro Aprile”.

A questo proposito, ricordiamo che l’agrumicoltura siciliana non è soltanto un settore produttivo ma è il “cuore” della vera Sicilia! Non dobbiamo dimenticarlo! Ne andrebbe della nostra dignità di Popolo.



Ci troviamo, pertanto, ancora una volta, al cospetto di una di quelle scelte europee (peraltro numerose e ricorrenti), adottate in materia di politica economica che calpestano con disinvoltura gli interessi della Sicilia e quelli del Sud Italia. E che sono scelte rese possibili dall’acquiescenza, imperdonabile, della quasi totalità dei rappresentanti politici siciliani e di quelli meridionali, ad ogni livello istituzionale. E a prescindere dalle ideologie dichiarate. Le poche eccezioni, che pure esistono, confermano la regola.

Nel caso specifico della Sicilia, pesano certamente il clima di desicilianizzazione e l’assoluta mancanza di una coraggiosa strategia siciliana per l’economia siciliana. Prevalgono, infatti, le logiche spartitorie e clientelari con la conseguenza di perdere di vista gli interessi generali del Popolo Siciliano e di perpetuare la cultura dell’ascarismo e dell’autocolonialismo.

I fatti parlano da soli. Ma non dobbiamo rassegnarci! Dobbiamo, anzi, lottare di più e meglio per la riscossa, per la rinascita e per il progresso nel Popolo Siciliano. E per fare sì che la Sicilia (che tanto ha fatto nei secoli e nei millenni precedenti per la civiltà europea) torni a essere protagonista di primo piano e in prima persona nei consessi internazionali e sovranazionali, anche a livello europeo. Soprattutto a livello europeo. [ LEGGI anche Quando la Coop… non sei tu! Vergogna! ]

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti