L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Talìa, cumpa’ (Poesia) Festa dei morti. No Halloween

La festa dei morti. No Halloween

Halloween? No, grazie.
Nuàtri avimu a Festa dê Murti.

di Giovanni Piazza ©

Talìa, cumpa’, o la cucuzza ntesta
o maschiri scantusi e scacazzari.
Pirchì? Pi quali cucca? Ma chi festa
po’ ssiri mai, chidda ca fa scantari?
Chidda ca t’assicuta lazzariatu
e cchiù vistutu sì, cchiù sì sminnatu?
.
Ma sta pinzata, ma di cu n’agghica!
Stu geniu di finizza e d’eleganza
ca a tutti ormai ci sfurnicìa la dica!
Chi sbùmmica, di qualchi nordicanza
ca essennu sulu tunna furastera
pari stratuni allocu di trazzera?
.
Ma pèrsimu lu sensu e la ragiuni,
caru cumpari, ca la nostra storia,
comu la storia di d’ognautru agnuni,
è soprattuttu fatta di memoria
e s’un si sapi sèntiri cu fummu
chiossà n’arzìa lu savujardu chiummu.
.
Pirchì la nostra festa fu de’ morti
ca pi tant’anni e tanta picciuttanza,
quannu pi zita c’era a Diu la sorti,
n’affuddava d’antica amurusanza
e ni cuntava d’animi purganti
ogni turnata festa d’Ognissanti.
.
E pari festa, na ddu campusantu,
cu na caterva di genti e di sciuri
di vuci assicutati ormai di chiantu
di chiantu assicutatu di duluri.
“Poi ricambianu, i morti, e tali e quali
stanotti poi ti portanu rijali.”
.
E ammenzu a qualchi vesti e iucareddu
nuci e nuciddi, mennuli, azzalori
ficu, pupi di zuccaru, a punzeddu
la frutta marturana. Eh, scattacori
era l’arrusbigghiata dda jurnata
pi la ricerca di la ncannistrata.
.
E ma’ ca ni cuntava poi lu cuntu
di visiti notturni e d’armi santi
ca si compuru ormai di contrappuntu
turnavanu a cuprinchiri vacanti.
Chista, la nostra. La festa de’ morti,
quannu pi zita c’era a Diu la sorti.

[ Leggi anche: “A festa dô jurnu dê murti ppi la Sicilia ” ]
[ Leggi anche: “La Festa dei Morti. Gioiosa tradizione e tristi ricordi” ]

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci


Rispondi

Vai alla barra degli strumenti