L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

La cuccìa come la preparavano le monache palermitane

Cuccìa

La cuccìa con ricotta di pecora
preparata nella cucina dell’ex monastero
di Santa Lucia a Palermo

Tratto da: I segreti del chiostro
Storie e ricette dei monasteri di Palermo
di Maria Oliveri ©
Altre info in Facebook: Collana Libri Storie di Sicilia
≈ ≈ ≈

La storia del Monastero di Santa Lucia

Dietro la Badia Nuova, a Palermo, nel 1531 venne fondato un monastero di monache benedettine, dedicato a Santa Lucia. Il monastero venne abbandonato nel 1582 a causa dei miasmi della paludosa depressione del Papireto.

Sulle rovine del monastero i governatori del Monte di Pietà, con l’aiuto del Senato, crearono un conservatorio di orfanelle. A causa dell’accrescersi del numero delle fanciulle accolte dal pio istituto, il 2 maggio 1781, i governatori acquistarono un terreno fuori Porta Maqueda (odierna Via Ruggero Settimo) e vi costruirono un nuovo conservatorio col titolo di Conservatorio di Santa Lucia. Il collegio aveva ambienti spaziosi e ampi cortili. Le fanciulle venivano educate e istruite nei lavori domestici da religiose domenicane, a spese del Monte di Pietà.

I lavori di costruzione della chiesa, dedicata a Santa Lucia, cominciarono nel 1788 e vennero ultimati solo a metà del secolo successivo. Dal 1919 al 2000 l’edificio è stato un istituto privato per ragazze benestanti, gestito dalle salesiane. Oggi l’istituto è gestito da un’opera pia.

Nel monastero si cucinava la cuccìa con crema di ricotta, nel giorno della festa della Santa patrona Lucia. Santa Lucia è protettrice della vista: «È invocata per la luce degli occhi in riguardo al suo nome Lucia», scrisse Giuseppe Pitrè. Il 13 dicembre a Palermo i devoti facevano voto di non cibarsi di farinacei per penitenza, pur di aver salvaguardata la vista. Mangiavano verdure, legumi, panelle e cuccìa (grano ammollato e lessato).

L’usanza di consumare frumento bollito è legata, secondo la tradizione, al ricordo di un miracolo operato dalla Santa, che fece arrivare un bastimento carico di grano a Palermo, città stremata da una lunghissima carestia. «Santa Lucia pani vurrja, pani nu nn’haiu, accussì mi staju», così pregavano i palermitani nel 1646 quando l’arrivo di una colomba dal cielo annunciò alla città l’arrivo del prezioso carico.

Lucia è patrona della natia Siracusa, dove viene festeggiata il 13 dicembre. I siracusani rivendicano il primato dell’invenzione della cuccìa rispetto a Palermo e collocano l’episodio della carestia a Siracusa del 1763.

Secondo il Pitrè, il frumento lesso era un cibo “primitivo”. Gli antichi greci lo mangiavano a luglio, subito dopo averlo raccolto, a scopo propiziatorio, per garantire prosperità. Il grano era, infatti, simbolo di vita e fertilità. La cuccìa oggi viene realizzata a Palermo con grano lessato, condito con crema dolce al cacao, con biancomangiare oppure con ricotta dolce.

≈ ≈ ≈

LA RICETTA della cuccìa preparata dalle monache di Santa Lucia

Ingredienti: 500 g di frumento, un pizzico di sale, 1,5 kg di ricotta di pecora freschissima, 400 g di zucchero semolato, 300 g di capello d’angelo, 150 g di cioccolato fondente (a gocce o a pezzettini), granella di pistacchio q.b., cannella in polvere q.b.

Ponete in acqua a bagno per tre giorni il frumento, prima della preparazione della cuccìa, cambiando l’acqua ogni giorno. Scolate il grano e mettetelo in un tegame, ricoprendolo d’acqua e aggiungendo un pizzico di sale. Cuocete per 6-8 ore a fiamma bassissima, lasciando poi riposare nell’acqua di cottura, coperto con un coperchio, per tutta la notte.

A parte, per preparare la crema, lavorate con la frusta la ricotta, precedentemente setacciata, con lo zucchero, in una ciotola abbastanza capiente. Aggiungete il capello d’angelo tagliato a piccoli pezzi e gocce di cioccolato fondente.

Scolate bene il frumento, ormai freddo, e aggiungete alla crema, mescolando, il composto. Servite in ciotoline, cospargendo con cannella in polvere, oppure granella di pistacchi, o cioccolato fondente o diavolini.

≈ ≈ ≈

La verità sulla Torre ottagonale di Enna
torredienna.it

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti