L'Ora Siciliana

L'Ora Siciliana, diretto da Angelo Severino, è un giornale di cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Dolci siciliani, a Natale rivalutiamo i vucciddrata

Dolci siciliani: vucciddràtu

“I VUCCIDDRATA SUNU MÌGLIU DÔ PANITTUNI”
Per Natale rivalutiamo i dolci siciliani
e le pietanze tipiche di Sicilia

di Angelo Severino ©

Dolci siciliani. I vucciddrata

“Chiamàtulu Vucciddàtu o Vucciddràtu (cumu facìmu nuàtri a Enna) o Gucciddàtu (cumu fanu a Palermu). Ma, ppi-ffavùri, nun lu chiàmati Buccellato (cumu fanu i Taliàni). U vucciddràtu jè nòscia cosa e stu ddilizziùsu durci natalìzziu lu sapìmu fari sulo nuàtri ccâ ricetta antica dê nosci nanni. Ma oggi u veru vucciddràtu, cumu si facìva na vota, sunu picca a sapìrlu fari e ppicchìssu ora si vìnnunu durci talianizzàti ca si chiàmanu buccellati e no Vucciddràta” (Angelo Severino).

≈ ∞ ≈ ∞ ≈ ∞ ≈

Al posto dei nordici e italiani panettoni e pandori, i vucciddrata sono squisiti dolci siciliani che hanno un’origine antichissima. È cibo per gli dei, dicevano una volta, da gustare per la sua morbidezza e per il suo prelibato contenuto fatto con fichi scelti che, prima di essere asciugati al sole, sono stati “incannati” (cioè infilzati in spiedi di canne).

Va altresì detto che per quanti in Sicilia vogliono a tutti i costi sulla propria mensa il panettone deve dare la preferenza a quelli “sicilianizzati” preparati dalle aziende pasticcere artigianali e industriali della nostra Terra. Questo per non consumare un prodotto straniero e tipico della cultura continentale.

Occorrerebbe che in Sicilia, a cominciare dalle festività natalizie, si rivalutassero le tradizioni dolciarie e gastronomiche tipicamente isolane, testimonianze validissime e talvolta antiche di millenni. E questo anche per i tanti turisti che, come è risaputo, cercano la “Sicilia in Sicilia”. Sarebbe deprimente se non dovessero trovare in un bar o in un ristorante, proprio in questo periodo natalizio, i dolci tipici della nostra tradizione siciliana. Ma sarebbe ancora più irragionevole se a questi turisti si vendessero dolciumi anonimi o, ancora peggio, con nomi italianizzati (vedi buccellati e non vucciddrata).

«Consumare sulla nostra tavola natalizia i dolci e le pietanze di tradizione siciliana, diciamolo francamente, senza ombra di dubbio, è una scelta indovinata perché – puntualizza Giuseppe Scianò, Coordinatore Centro Studi “Andrea Finocchiaro Aprile” – il Popolo Siciliano, la Nazione Siciliana, ha avuto da sempre vocazioni e gusti molto signorili e raffinati. Niente di meglio, perciò, per quanti non vogliono rimanere vittime e strumento del consumismo, particolarmente massificato da martellanti campagne pubblicitarie e omologato nei giorni festivi».

Scarica i pdf del giornale
Diventa editore de “L’Ora Siciliana”
oppure leggi come sostenerci



Rispondi

Vai alla barra degli strumenti