L'Ora Siciliana

L'Ora Siciliana, diretto da Angelo Severino, è un giornale di cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Busacca canta Turiddu Giuliano

Turiddu Giuliano Re dei briganti

di Angelo Severino ©

Era il 12 settembre del 1961. Avevo quattordici anni e, facendomi largo fra la folla, conquistai un ambìto posto in prima fila. Era arrivato nella piazza del quartiere Monte a Enna il tanto atteso cantastorie Cicciu Busacca di Paternò. Appena il poeta ambulante srotolò il primo cartellone e iniziò a raccontarci, accompagnandosi con le note della sua chitarra, «La storia di Turi Giuliano Re di li briganti» ci furono calorosi applausi. Poi calò il silenzio più assoluto e tutti seguimmo con attenzione le prodezze di Turiddu.

Ogni fine episodio era accompagnato da applausi e con l’ottavo, al termine del suo racconto, le ovazioni durarono più a lungo mentre un ragazzo girava fra la folla a vendere per cento lire il libretto di 32 pagine con il testo in siciliano (nella colonna a sinistra) e la traduzione in italiano (in quella di destra), corredato dai 48 disegni delle scene viste nel susseguirsi dello sfoglio dei cartelloni. Così Cicciu Busacca iniziava il racconto su Giuliano re dei briganti:

Vogghiu cantari ccu sensu sirenu
chiddu ca fici Turi Giulianu.
L’omu ca pi sett’anni nenti menu,
fici trimari sutta li so manu
e ppi diri li cosi cchiù ‘mpurtanti,
lu ntitulanu Re di li briganti.

Ntra Muntilepri tutti l’abbitanti
lu vulevunu beni veramenti
pirchì Turiddu, giuvini galanti,
era amurusu ccu tutti li genti.
Ma speciarmenti ppi li ginutura
era lu specchiu lu giovini Turi.

La scena numero 33 ci emozionò particolarmente e ricordo ancora qualche nonna asciugarsi gli occhi per la commozione:

Turi tra’ li campagni, caminannu,
visti ca forti, e unu ciancennu,
du’ picciriddi, carrichi d’affannu
e li chiamau, currennu currennu.
Po’, ddi du’ picciriddi ci cantanu,
ca cci livò li sordi Giulianu.

Turi ‘n sacchetta, si misi la manu,
e sordi cci nni desi ‘n pugnu chinu.
Ddi picciriddi, ‘n facci lu guardanu
a ddu picciottu tantu malandrinu.
Po’ Turiddu cci dissi a ddi ‘nnuccenti,
frasi ca cciarristarunu ‘ntra la menti:

“Turi na robba a ccu no ‘nchiavi nenti”
dissi a ddi nichi ca c’iavia d’avanti.
“Arrobba sulu a chiddi pussidenti,
ca sordi ‘ntra li banchi ‘nn’hanu tanti.
Turiddu Giulianu, sugnu iu…”,
cci dissi a ddi ‘nnuccenti e si nni jiu.

La storia finiva con la gigantesca locandina numero 48 e con questi versi:

Ora Busacca, dici a li prisenti,
quattru paroli daveru ‘mpurtanti.
Vi dici di campari onistamenti,
ca non cunveni a fari li briganti.
Contro la Liggi, lu briganti è persu,
Busacca afferma ‘nta l’ultimu versu.

Pubblicato su L’Ora Siciliana n. 2 (Maggio 2015) Scarica il pdf
 
L’Ora Siciliana di Ottobre 2015 è pronto

 
L'Ora Siciliana di Ottobre 2015

Rispondi

Vai alla barra degli strumenti