L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Pasta biologica mai prodotta da pastifico inesistente

GdF Pasta biologica mai prodotta

Pasta biologica mai prodotta

Ad Agira (Enna) scoperto dalla Guardia di Finanza un pastificio inesistente che doveva produrre pasta biologica con soldi pubblici. Ma, dopo aver “incassato” l’intero finanziamento, hanno abbandonato l’opificio industriale facendolo sprofondare nell’incuria e nel degrado.

 

Enna, 22 luglio 2010 – La Guardia di Finanza di Enna sequestra conti correnti e immobili per un importo complessivo di €. 500.000 a imprenditori della provincia di Enna e di Messina. Dovevano produrre pasta biologica dai migliori grani siciliani nel territorio agirino, ma il pastificio è stato realizzato solo sulla carta. E per realizzare questo progetto una “startup” innovativa messinese ha avuto accesso nel  2018 a un finanziamento aziendale per 500 mila euro, quasi integralmente garantito dallo Stato, per la ristrutturazione e la messa in funzione di un preesistente pastificio chiuso da tempo.

La scelta di Agira, quale sede operativa della società, serviva a costituire un valore aggiunto al progetto. Il territorio presenta numerosi ettari di terreni coltivati e coltivabili e, soprattutto, ampi spazi dedicati a varie qualità di grano siciliano tra le più pregevoli. Il sito era ideale, quindi, dove far sorgere un pastificio “biologico e oligominerale”.

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Enna hanno però scoperto che il progetto era solamente una truffa per ottenere i fondi pubblici anziché servire come volano dell’economia green agirina. Il pastificio, in realtà, era solo un fabbricato in totale stato di abbandono.

Contrariamente alle premesse, invero, i finanziari del Gruppo di Enna all’esito di mirate e complesse indagini economico-finanziarie, ricostruendo l’iter di tutta la vicenda, hanno accertato che l’amministratore unico dell’azienda, in concorso con altri imprenditori e professionisti, era riuscito a farsi finanziare illecitamente, mediante l’utilizzo di documentazione falsa e l’interposizione fittizia di una “società di comodo”, un mutuo pari a euro 500.000,00, garantito da Mediocredito Centrale, destinato a incentivare l’anzidetta iniziativa industriale che, come hanno testimoniato gli accertamenti, non è mai partita.

In particolare, le investigazioni contabili e finanziarie hanno accertato la natura surrettizia e meramente cartolare dell’investimento; i soggetti convolti, infatti, dopo aver “incassato” l’intero finanziamento, hanno abbandonato l’opificio industriale facendolo sprofondare nell’incuria e nel degrado.

Pasta biologica mai prodotta

Conseguentemente, oltre al responsabile della società con sede legale a Montagnareale (ME) e stabilimento in Agira (EN), vero dominus della vicenda, sono state deferite alla Procura della Repubblica di Enna, diretta dal Dott. Massimo Palmeri, altri 3 soggetti, a vario titolo compartecipanti nei reati di “truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche” e “falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e privato”.

In tale contesto, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica – Dott.ssa Daniela Rapisarda, che ha coordinato le relative indagini, il GIP del Tribunale di Enna ha disposto il sequestro preventivo di beni, finalizzato alla confisca “per equivalente”, per un importo di 500.000,00 euro.

Pertanto, sono stati sottoposti a sequestro numerosi conti correnti bancari e due immobili, corrispondente per valore all’ammontare del sequestro disposto dall’A.G.. Le indagini hanno interessato anche il profilo erariale, con la segnalazione alla Procura Regionale della Corte dei Conti delle gravi responsabilità rilevate a carico degli indagati.

L’operazione del Gruppo di Enna, in linea alle direttive operative del Comando Provinciale, s’inquadra nel più ampio contesto della lotta alle frodi a danno della collettività e testimonia, ancora una volta, il peculiare ruolo della Guardia di Finanza quale forza di polizia, a tutela e presidio degli interessi economico-finanziari del bilancio nazionale e degli Enti locali, in modo da assicurare che le risorse disposizione siano correttamente impiegate per favorire le politiche di sviluppo sociale ed imprenditoriale del territorio.

≈ ≈ ≈ ≈

Link da cliccare: La verità sulla Torre ottagonale di Enna

torredienna.it

Rispondi