L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Torre ottagonale di Enna, costruita dai Siculi

Torre ottagonale di Enna

Torre ottagonale di Enna,
l’antico osservatorio astronomico
costruito dai Siculi – Etruschi

Pubblicato sul giornale “L’Indipendente”  di Giugno 2021

Umbilicus Siciliae. Qui nella preistoria si venerava la Madre di tutte le Dee Madri. Era la “Regina di Sicilia”, poi chiamata Demètra dai Greci e Cerere dai Romani.

Furono i Siculi, provenienti dall’Etruria, a individuare nell’isola chiamata Trinacria il centro geografico e religioso del mondo antico. In questo luogo, oggi Enna, considerato sacro, intorno al 1023 a.C. i Siculi costruirono una Torre ottagonale denominata Hennaion. Una specola, unica nel suo genere, mai costruita prima d’allora per le sue esclusive caratteristiche astronomiche-geodetiche-religiose.

Nel 440 a.C., dopo la sconfitta subìta dai Siculi da parte di Siracusa, l’attività dell’osservatorio ennese probabilmente cessò tanto da diventare, col passar dei secoli, una semplice torre abbandonata.

Nel Medioevo furono effettuati restauri e importanti modifiche (come le due volte interne) che consegnarono la Torre ottagonale agli ingegneri dell’epoca. Di fatto, le future generazioni la conobbero prima come voluta dal re Federico III e poi, come si pensa oggi, dall’imperatore svevo Federico II.

A valutare che la Torre fosse stata in realtà costruita in un periodo molto più antico con la funzione di specola fu il colonnello del Genio Militare Umberto Massocco che la studiò negli anni 1950-1980.

Le ricerche del Massocco, continuate dal giornalista Angelo Severino, evidenziarono come nell’asse della facciata meridionale della Torre ottagonale era stato rappresentato lo schema del Templum Caelesti di Sicilia, raffigurato da sedici finestrelle che formano un decumano e due cardini. Riprodotto sulla terra di Sicilia, il punto centrale del decumano, dove incontra il cardine massimo, risulta essere esattamente l’Umbilicus Siciliae, dove sorge l’Hennaion.

Leggi anche: Torre di Enna. Ecco chi l’ha costruita e perché
La canna sicula servì per costruire la Torre di Enna
Torre ottagonale di Enna, l’osservatorio astronomico siculo
Stupor mundi non stupì Enna e non costruì la Torre
La verità sulla Torre ottagonale di Enna

torredienna.it





Rispondi