L'Ora Siciliana

Cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia.



Ricerca storica

Rivogliamo la nostra autostrada

La Sicilia umiliata dal pilone dell’autostrada.

di Angelo Severino

Sono già in 19.160, al momento in cui scriviamo, i membri che hanno aderito al gruppo #adessobasta su Facebook. La pagina è stata creata subito dopo il cedimento del pilone del viadotto Himera sulla A19 Palermo-Catania.

“Rivogliamo la nostra autostrada!”. La solidarietà e le proteste dei siciliani iscritti al gruppo, pur sacrosante, tuttavia servono a poco se non verranno intraprese iniziative mirate e programmate. Ed è proprio per questo motivo che i fondatori del gruppo #adessobasta su Facebook ora vogliono organizzarsi come associazione. «Sicuramente faremo partire – scrivono in un loro post – alcune azioni di risarcimento individuali e collettive e successivamente metteremo in moto l’organizzazione di una manifestazione popolare non per chiedere di ripristinare la viabilità in Sicilia (non parliamo solo di Scillato), ma per ottenerla».

A causa dell’interruzione dell’autostrada PA-CT, per i siciliani diventa molto complicato e lungo spostarsi da una parte all’altra dell’Isola che, di fatto, è come se fosse stata spaccata in due. L’ironia sulla rete è fantastica se non ci fosse, in questo caso, da piangere. Ecco il “Regno delle… due Sicilie” o aerei di linea che “paracadutano passeggeri su Enna e Caltanissetta” o un gruppo di sindaci con le immancabili fasce tricolori sugli asini e così via.

Il primo lotto della A19, Buonfornello-Palermo e Motta Sant’Anastasia-Catania, fu inaugurato nel 1970 e cinque anni dopo fu percorribile per intera. La Sicilia cambiò volto. Il commercio, il trasporto, il turismo si adeguarono alla nuova realtà e tutto da allora fu programmato in funzione dell’autostrada. Spostarsi divenne più facile e più veloce. Ad esempio, da Enna a Palermo adesso bastava un’ora e mezza rispetto alle quasi sei ore di prima. Ai vecchi lenti luridi treni ben presto si preferirono i comodi moderni veloci autobus tanto che le stazioni ferroviarie, man mano, scomparvero dalle zone centrali dell’Isola e oggi è impossibile prendere un treno da Palermo per raggiungere Enna.

Molte sono le difficoltà per i Siciliani a causa dell’interruzione sulla autostrada A19. Fra le tante, il bus navetta che collegava Palermo al “Sicilia Outlet Village” è stato temporaneamente sospeso. Per il grande centro commerciale di Agira (uscita Dittaino), a soli 20 minuti da Enna, ora si teme il peggio e un calo di utenza, specialmente quella proveniente dalla parte di Palermo, mettendo così a rischio di licenziamento i quasi mille dipendenti.

La Sais Autolinee che, oltre a collegare direttamente Palermo con Catania, consente anche a migliaia di passeggeri di spostarsi giornalmente dall’entroterra verso Palermo e viceversa, sta sostituendo gli autobus lunghi con autobus più corti per essere autorizzati a percorrere la nuova bretella autostradale. Si è intanto appreso che la stessa Sais Autolinee è pronta a rivalersi nei confronti dell’Anas per i danni che azienda e passeggeri subiranno a causa della frana di Scillato.

Scarica i pdf de L’Ora Siciliana
 
L’Ora Siciliana di Ottobre 2015 è pronto

 
L'Ora Siciliana di Ottobre 2015

One response to “ Rivogliamo la nostra autostrada ”

  1. carlo mocera ha detto:

    Complimenti per il taglio dell’articolo pacato ma esauriente.Bravi.

Rispondi